lunedì 10 dicembre 2012

Tatuaggi Geco

Il geco è uno dei soggetti più utilizzati e amati nei tatuaggi e se un tempo era diffuso solo tra le popolazioni aborigene della Polinesia, da qualche anno sta avendo un enorme successo anche nel mondo occidentale. In parte la sua fortuna deriva dall’aspetto simpatico e alla sua forma aggraziata e arrotondata che ben si presta ad essere raffigurata in diversi stili per decorare la pelle, ma soprattutto deriva dalla forte carica simbolica che gli viene attribuita in quasi tutte le culture del mondo. Infatti il geco è considerato un animale portafortuna e un simbolo di rinascita grazie alla sua possibilità di farsi ricrescere la coda. Non solo come soggetto di tatuaggi, ma questa piccola lucertola viene utilizzata anche per decorare collane, ciondoli, gioielli e stoffe. In Indonesia, per esempio, il geco è considerato simbolo di onestà e gli artigiani lo scolpiscono nel legno; è un simbolo di fortuna per gli abitanti delle Hawaii e del Maui dove è addirittura stato scelto come emblema dell’isola e viene quindi raffigurato su tutti i gadget per i turisti. Tra i nativi americani, invece, il geco e le lucertole sono considerate un simbolo di buon augurio e di agilità e si pensa che tengano uniti gli innamorati e proteggano i sognatori. Secondo la tradizione degli indigeni australiani e neozelandesi, il geco ha sempre rappresentato l’adattabilità, un valore questo, necessario sia all’animale che all’uomo, per poter sopravvivere e andare avanti anche quando si trovano ostacoli che possono sembrare invalicabili. I polinesiani, invece, attribuiscono al geco alcuni poteri soprannaturali e guardano all’animale con un senso di timore e reverenza. In queste culture viene tatuato per adornare il corpo dei capi delle tribù e come anche le tartarughe, viene visto come un animale che fa da tramite tra il mondo dei vivi e quello dei morti e viene quindi anche considerato un legame con il mondo dell’aldilà. Nelle Filippine e in Thailandia, dove vive la varietà di geco chiamata Tokai, si narra che se quando una donna partorisce si ode il canto del Tokai, sicuramente il nuovo nato avrà una vita lunga e felice. Al geco quindi si attribuisce sempre una simbologia dalla carica positiva, qualsiasi sia il tipo di cultura presa in considerazione. I tatuaggi geco possono venire disegnati in diversi stili, ma generalmente quello più diffuso è il tribale e di norma si raffigurano intrecciati ad altri soggetti; in base al soggetto assumono così significati diversi. Tra gli elementi più comuni che vengono abbinati al geco in un tatuaggio tribale ci sono la manta, che simboleggia la libertà e lo squalo che simboleggia, invece, la forza. Altri elementi presenti nella composizione dei tatuaggi tribali con il geco sono: il sole che è simbolo di prosperità, le onde del mare e gli occhi di tiki, simbolo di protezione. Tutti questi elementi insieme danno la forma al geco e gli conferiscono un significato unico e particolare.


galleria tattoo

domenica 21 ottobre 2012

Tatuaggi Cuore.

Oggi ai tatuaggi cuore il significato più diffuso che si dà è soprattutto legato all’amore, ma non è sempre stato così però ed in epoche diverse, infatti, come per esempio nell’antico Egitto, il significato che si dava ai tatuaggi cuore era legato all’intelligenza umana, mentre per gli Aztechi il cuore umano era una cosa da sacrificare al sole, perché considerato fonte di energia. Nella tradizione ebraica il cuore di pietra dell’uomo deve diventare un cuore di carne e i saggi del cuore hanno lo spirito della saggezza. Gli antichi Egizi credevano che il cuore e non il cervello fosse la sede dei pensieri, delle emozioni e dei ricordi e mettevano degli amuleti a forma di cuore accanto al defunto per aiutarlo nel viaggio nell’aldilà. Questi amuleti avevano la forma di un vaso, prezioso contenitore dello spirito, che ritroviamo anche nella tradizione del Sacro Graal, la coppa che raccoglie il sangue del Cristo ricercata dai cavalieri di Re Artù. Anche nella tradizione celtica il cuore simboleggiava il centro della vita e il regno superiore. Nel mondo celtico esiste infatti un collegamento fra il nome del centro, kreiz in bretone, craidd in gallese e cornico, cridhe in irlandese e quello del cuore. La diffusione di questo tatuaggio nell’era moderna, iniziò grazie ai marinai, che per primi usavano tatuarsi un cuore, solitamente sul braccio. I tatuaggi cuore vengono disegnati in molte forme e si va dai classici cuori rossi, ai cuori tribali, che sono sicuramente di forte impatto visivo, ai cuori con le ali o con la scritta del nome del proprio amato usato anche come prova d’amore. Un’altra rappresentazione molto diffusa è sicuramente quella del cuore attraversato da un pugnale, che può indicare un tradimento da parte di una persona cara, ma anche un amore finito male. Ci sono poi delle varianti religiose di questo tatuaggio, come il cuore sacro; in questo caso il cuore viene circondato da una corona di spine, che simboleggia il dolore patito durante la vita da Gesù Cristo. Per finire, un’altra rappresentazione che si dà a questo tatuaggio, è il cuore spezzato e questo tipo di disegno si tatua per rappresentare la perdita di una persona cara, per comunicare un dolore che ci si porta dentro, ma anche per comunicare il tradimento del proprio partner. Le parti del corpo più utilizzate per i tatuaggi cuore sono il petto o l’avambraccio per gli uomini e i polsi, le caviglie, il petto o il fondoschiena per le donne.


galleria tattoo

mercoledì 1 agosto 2012

tatuaggi giapponesi

Tatuaggi Giapponesi. I tatuaggi giapponesi, hanno significati intrinseci, spiegazioni nascoste che tutti dovrebbero conoscere prima di fare proprio un disegno da tatuare sul corpo. Oggi parliamo dei disegni giapponesi più utilizzati dai tatuatori. Le maschere hannya non hanno nulla a che fare con il diavolo o Satana, anche se a ben guardare sono parecchio mostruose. Le Hannya sono espressioni di passione, gelosia, odio, rabbia o invidia che diventano terribili mostri terrestri . Spesso nel tradizionale teatro giapponese Noh, chiamato anche No, l’attore va in scena con queste maschere. Esse simboleggiano come i sentimenti più profondi di una persona, possano trasformare tutti noi, creando vere e proprie creature mostruose, qualcosa come “il mostro dentro ognuno di noi”. Il Kiyo Hime è sicuramente la maschera Hannya più famosa ed è una sorta di drago, con il corpo di un serpente e la testa di Hannya. Nell’antica mitologia giapponese è una ragazza che si innamorò di un monaco buddista e quando andò a confessare il suo amore il monaco fuggì e Kiyo hime, pazza e furiosa d’amore, si trasformò nel classico mostro che si vede molto spesso nei tatuaggi giapponesi. Spesso viene anche rappresentata come una donna con il corpo di serpente. La divinità buddista Kannon è simbolo di simpatia e di compassione. In Giappone è molto tatuata e viene rappresentata da una donna a cavallo di un drago, mentre in India è raffigurata da un uomo, sempre sopra un drago. Anche il disegno di Fudo Myoo viene dal buddismo, ed è simbolo di imperturbabilità. Nella mitologia giapponese è uno dei guardiani dell’inferno, il re della conoscenza che è sempre raffigurato con una corda che trattiene il male e una spada con cui combatte contro i nemici del Buddismo. I draghi meriterebbero sicuramente un capitolo a parte e nel tatuaggio solitamente diventano simbolo di buona fortuna. Tamatori Hime è una principessa che ha rubato una perla preziosa al re del mondo sommerso, rappresentato da un enorme drago, che la insegue dappertutto. Tamatori nasconde la perla dentro al proprio corpo praticandosi dei tagli. Riesce a scappare, ma morirà dissanguata per la sua avidità. La tigre nei tatuaggi giapponesi simboleggia il potere e la forza. I banditi Suikoden erano 108 ribelli che venivano dalla Cina. Rappresentazioni e disegni di questa leggenda giapponese sono molto popolari, tanto che molti tatuaggi fanno riferimento ad essi. In Giappone il serpente è un animale visto con carattere negativo, anche se i tatuaggi che lo rappresentano sono spesso molto colorati e decorati con fiori intrecciati.






galleria tattoo

giovedì 26 luglio 2012

Tatuaggi farfalla

Tatuaggi Farfalla. Anche se nulla determina che un tatuaggio è per uomini o per donne, i tatuaggi farfalla sono molto più popolari tra le donne ed è uno dei disegni più eleganti e alla moda del momento. I tatuaggi farfalla sono delicati, sofisticati, colorati e belli e ci sono anche un gran numero e varietà di modelli che possono essere utilizzati. Ad oggi ci sono ben 18.000 specie diverse di farfalle in tutto il mondo, di diversi colori e fattezze, alcune luminose, alcune piccolissime, mentre altre possono arrivare anche fino a 25 centimetri. Tra i vari disegni, ci sono alcuni molto originali e davvero grandi, ma la farfalla monarca e la farfalla tribale sono i più utilizzati. Per parlare del significato dei tatuaggi farfalla bisogna prima dare uno sguardo al passato; nell’antico Giappone, per esempio, la farfalla simboleggiava la femminilità e la gioventù femminile, mentre due farfalle assieme rappresentavano la felicità coniugale e il godimento all’interno del matrimonio. Per gli antichi Aztechi, c'erano due tipi di morte che erano considerati i più nobili di tutti, la morte del guerriero in battaglia e la morte durante il parto. Sui corpi dei caduti in battaglia e dei bambini morti durante il parto, venivano collocati delle farfalle perché si credeva che le farfalle fossero una parte di quelle anime nobili. Nel cristianesimo la farfalla rappresenta l’anima, l’anima che fugge dalla prigione della carne e vola via libera. Anche per gli antichi Greci rappresentava l’anima, ma anche il viaggio e la fuga, l’evoluzione, la nascita, la crescita e la morte e il rinnovamento. Una delle credenze più comuni era che le farfalle fossero incaricate di portare lo spirito e l'anima del popolo dalla terra al cielo. Nel corso del tempo, la farfalla ha rappresentato molte cose ed il suo significato è cambiato spesso, ma di norma, la farfalla è vista come il cambiamento, che attraverso una lunga metamorfosi si trasforma da un essere sgraziato in uno migliore. La farfalla è quindi un simbolo di evoluzione, di bellezza, di grazia, della natura e della vita stessa. I disegni di farfalle d'altra parte, sono molto colorati, sofisticati e molto impegnati nel loro significato. Una delle parti del corpo utilizzata più frequentemente per i tatuaggi farfalla è sicuramente il piede: uno dei vantaggi è che possono facilmente essere nascosti, se necessario, infatti ci sono ancora persone che possono avere problemi sul posto di lavoro a causa dei loro tatuaggi , ed anche il suo significato non è affatto da trascurare. Come Mercurio, il messaggero degli dei nella mitologia greca, si hanno le ali ai piedi.


galleria tattoo

sabato 21 luglio 2012

Tatuaggi Fiori

Tatuaggi Fiori. In tutte le culture del mondo i fiori simboleggiano l’arrivo della primavera, quindi la giovinezza, la freschezza e la vittoria sulla morte. Nei matrimoni vengono portati dalle damigelle come dono alla sposa per augurare fecondità e molto spesso sono associati al sole; infatti i fiori crescono con l’arrivo della primavera quando le ore di luce aumentano e proprio a questo significato di vita è legata l’usanza di portare i fiori sulle tombe dei defunti. Normalmente i tatuaggi fiori sono scelti dalle donne, perché considerati molto femminili ed eleganti ed i soggetti più tatuati sono i fiori di loto e le rose, che tra l’altro hanno un significato molto simile che li accomuna. Il loto è un fiore che si apre durante il giorno per ritirarsi nelle ore di oscurità e rappresenta la verità, l’illuminazione, ma anche la fine di un amore. Infatti molte ragazze si fanno tatuare i fuori di loto dopo la rottura di un rapporto importante, per simboleggiare che hanno superato questo triste periodo della loro vita. La rosa invece piace tanto al pubblico femminile che a quello maschile ed è riconducibile a sentimenti di amore e passione. In base al colore e al numero dei petali assume significati diversi, per esempio la rosa rossa simboleggia l’amore, il romanticismo e il coraggio, mentre quella dai petali rosa rappresenta la grazia e l’ammirazione. Quella bianca nei tatuaggi rappresenta l’amore per tutta la vita, ma anche la purezza, mentre la rosa gialla viene disegnata per esprimere allegria e gentilezza. Ma ci sono anche altri fiori che sono popolari come soggetti di tatuaggi: il bellissimo fiore della calla simboleggia la bellezza, il giglio arancione esprime addirittura odio, i fiori di orchidea simboleggiano il mistero, l’iris rappresenta la passione, il narciso trasmette autostima ed infine il girasole rappresenta la fedeltà in amore. Per quest’anno la moda ha rivolto l’attenzione soprattutto sui tatuaggi fiori femminili dietro al collo e sul braccio mettendo tutto l’arte creativa sul fiore di loto. Il disegno del fiore di loto è conosciuto con nomi diversi. Tante persone lo chiamano il fagiolo dell’India, mentre altri lo chiamano il sacro loto. Qualcuno lo chiama il loto indiano. Ma la maggior parte delle persone, lo chiamano semplicemente loto. Per le persone che amano i tatuaggi fiori e che credono nella tranquillità, nella pace interiore, il disegno del loto è la scelta più adatta. A volte si possono anche aggiungere altri disegni come l’albero di banyan o una colomba intrecciati alle foglie del loto.




galleria tattoo

mercoledì 11 luglio 2012

Tatuaggi angeli

Un tatuaggio che tante ragazzine hanno da sempre imitato proprio per sentirsi sexy e anticonformiste come Asia Argento è stato cancellato a colpi di laser, con dolore per Asia e rimpianto per le tante fans. Eh si, uno dei tatuaggi angeli più belli e famosi del mondo non c’è più: il bellissimo angelo tatuato sotto l’ombelico di Asia Argento non fa più bella mostra di sé. Asia ha raccontato che il tatuaggio le ha dato notevoli fastidi in questi anni, costringendola ad alzarsi alle cinque del mattino, quando doveva girare un film, per coprirlo con il trucco e di essersi stancata di vederlo. D’altronde se lo era fatta da ragazzina, aveva appena sedici anni e oggi dopo più di vent’anni ci ha pensato a lungo e se lo è fatta togliere per sempre. I tatuaggi angeli sono molto popolari fra le ragazze che di solito se li fanno disegnare come cherubini seduti su una nuvola a simboleggiare guardiani gentili e guide, protettori dello spirito e meno spesso come vendicatori. Chi si fa tatuare l’angelo in versione protettore vuole sottolineare la ricerca di purezza dell’anima e la pazienza ed è una persona che ha fiducia in se stessa e negli altri. Gli angeli sono molto diffusi anche fra i ragazzi che li scelgono come mezzo di espressione della loro virilità e anche per esprimere il loro amore e il rispetto per la donna della loro vita o della quale sono innamorati. Generalmente il luogo più comune per i tatuaggi angeli è la parte superiore del braccio o sul torace per gli uomini e sulla spalla o sull’addome per le donne. Sono anche molto comuni sul polso e sul piede. Molte persone si fanno tatuare invece dell’intero angelo solo le ali e chi fa questo tatuaggio ha sempre, dentro di sé una motivazione molto speciale. Perché questo simbolo non rappresenta un evento da conservare ma, piuttosto, simboleggia il modo di essere vivo e libero, di essere puro e felice. Le ali si possono tatuare in tanti posizioni del corpo diverse: sulla schiena, grandissime, oppure piccole, sulle scapole. C’è chi si tatua le ali sull’avambraccio, c’è chi le tatua sulle caviglie, sul fondoschiena, sul petto, sui polsi, effettivamente ogni parte del corpo può mettere le ali con un tatuaggio. C’è molta scelta anche nello stile per questo tatuaggio: si va dalle ali in stile tribale allo stile biomeccanico, dal giapponese al traditional, dal fantasy al realistico.





galleria tattoo

lunedì 2 luglio 2012

TATUAGGI CON IL CIBO

TATUAGGI CON IL CIBO


I tatuaggi rivelano dei desideri, possono rappresentare un simbolo che nasconda un aspetto del carattere, possono indicare una frase che riveli un pensiero recondito oppure dichiarare apertamente sentimenti verso un partner, gli animali, la natura, la pace...

Ultimamente i tatuaggi tendono a rivelare anche i propri gusti in ambito culinario.Sembrerebbe questa piu’ una provocazione che una vera scelta estetica, invece soprattutto in Gran Bretagna, la moda di farsi tatuare il cibo sulla pelle sta prendendo campo.

Indubbiamente sotto un certo punto di vista si tratta di scelte eccentriche ma da un altro aspetto questo desiderio dichiarato sulla pelle è meno impegnativo rispetto a farsi tatuare le iniziali del proprio partner, non sapendo quale sorprese potrebbe riserbarci il nostro futuro sentimentale!

Dichiarare i propri gusti culinari diventi quindi ironico e molto divertente, sicuramente un modo originale per farsi conoscere e notare dagli altri.

Non passano inossservati i piatti dipinti sulle braccia tramite la tecnica del tatuaggio oppure pietanze disegnate addirittura sulla propria testa senza capelli.

I disegni piu’ gettonati per ora sono bacon e uova, cheesecake, muffin, bistecche rosso sangue o addirittura peperoncini dalle fattezze quasi umane e molto accesi o meglio dire arrabbiati.

Le scelte suscitano anche perplessità, il gusto estetico a volte risulta cedere di fronte a tatuaggi che risultano piu’ ironici che belli e decorativi. Pero’ in questo caso cio’ che conta è ili coraggio dell’azzardo e la capacità di segnare un altro passo avanti nell’arte del tatuaggio, delinenando un nuovo modo di concepire tali operazioni decorative. Non piu’ soltanto bellezza estesica ma si sconfina mostrando altri aspetti del proprio carattere, siano essi la capacità di sdrammatizzare verso i gusti della vita, anche quelli che appartengono alla sfera culinaria.

Gli esempi riportati riguardano ancora un tipo di cucina anglosassone, in quanto è in tali paesi che ha preso campo lo stile dei food tatoo, ovviamente se l’idea si diffondesse anche in Italia è probabile che i disegni stessi prenderebbero altre direzioni.Anziché bacon e uova, sarebbe facilmente preferibile la pizza o un bel piatto di spaghetti, una parmigiana fumante o gnocchi ai quattro formaggi, per tutta la vita pero’, non soltanto per il pranzo del giovedi’.






galleria tattoo